Seguici su

Vai menu di sezione

Quadri

"FLIPPER" di Ennio Finzi

  • 70x100 cm - ACRILICO SU TELA

    L'opera si evidenzia per un concetto di forte luminosità creato dalla presenza del colore-luce risolto con uno sviluppo in giallo nella parte centrale della superficie.

    Tale presenza assume un valore sempre più forte se rapportata alle altre due linee di "orizzonte", caratterizzate con colori freddi (blu e viola).

    L'emissione d'onda cromatica delle sorgenti cromo-luminose in giallo nella parte centrale, sembra assumere la valenza di un forte segnale che orienta e direziona sulla superficie dell'opera, distesa in un nero saturo.

"TRASPARENTE OGGETTIVA - SOGGETTIVA" di Luigi Senesi

  • 50x80 cm - anno 1976

    Dipinto dagli interessanti colori vivaci affiancati a strisce verticali intervallati nella loro divisione dall'unione della loro cromia formante un ulteriore sorpredente colore con riflessi bianchi che ulteriormente esaltano l'adeguata assonanza dei colori scelti.

"LA DANZA DELLE MATITE" di Roberto Lorenzini

  • 100x100 cm - anno 2012 - ACRILICO SU TELA

    Quadro su tela di colore rosso con applicazione di matite e gocce di vari colori.

"IL SOGNO CHE HO FATTO DA BAMBINO" di Luciano Civettini

  • 140x120 cm  - ACRILICO, ALCHIDICO. PASTELLI E COLLAGE SU TELA DI YUTA

    A piedi nudi su un tapetto sgargianate di colori, un bimbo trascina un carrettino che trasporta un albero.

    Il lento cigolio delle ruote ad un tratto mi fa sognare….e il sogno si dispiega più reale del vero attorno a me. La casa diventa trasparente, la stanza un bosco....L'orso di neve, il passerotto delle stelle, la neve e la pioggia, i fiori di ghiaccio.

    Tutti gli elementi che la natura offre: vento, gelo, sole , suoni e silenzi

"FRAMMENTI DI PAESAGGIO" di Diego Mazzonelli

  • 130x180 cm - ACRILICO, OLIO E FOGLIA D'ORO SU TELA E TELAIO IN LEGNO

    Variazioni cromatiche e luminose che simulano la percezione di ogni possibile paesaggio.

"ESPRESSIONE NATURA" di Gianni Borta

  • 100x100 cm - OLIO SU TELA

    Le tematiche ambientali, la natura generatrice delle cose e l'infanzia, nel libero gioco di fantasia ed immaginazione del bambino sono i protagonisti di questo quadro ricco di effetti cromatici, quasi ad essere immagini disegnate dal vento come una cascata di colori in un lucente viaggio ed in totale libertà.

     

"CONTADINO CON CAPPELLO" Andrea Fusaro

  • 315x180 cm - 1998 - TEMPERA SU TELA

    Dipinto raffigurante un contadino con cappello piumato e falce in mano contestualizzato in un paesaggio montano con baita in legno ed alle spalle montagne, pini ed ambiente verdeggiante con cielo assolato

"TORRENTE DELLA CALDESA A PALU'" di Paolo Vallorz

  • 110x110cm - anno 1991 - TEMPERA SU TELA

    Dipinto raffigurante il torrente della Caldesa a Palù, con contrasto di colori pastello e colori freddi panoramico del fiume che da nome all'opera in un contesto di immersione nella natura del posto.

"SAN GIUSEPPE CON IL BAMBINO GESU'" autore sconosciuto

  • Dipinto mistico cristiano raffigurante un santo (accenno di aureola dietro il capo) che tiene in braccio un bimbo (presumibilmente Gesù) offrente una mela al suo sostenitore. Interessante il gioco cromatico e figurativo che parte dalle braccia del santo e scende per il manto formante un cerchio ben visibile e più chiaro rispetto al resto dei colori del dipinto, che pone al centro e richiama l'attenzione sul bambino.

    CORNICE anno 1600 circa

Passaggi di stato

  • Forme pure di matrice organica, astratte, indeterminate e completamente svincolate da riferimenti figurativi o narrativi pongono l'accento sul carattere allusivo e infferrabile di spazi indistiniti e dilatati caratterizzati da colori freddi che rimandano a sensazioni e intuizioni indefinite. La composizione gioca su tinte "naturali" con prevalenza di quelle verdi-azzure, risulta estremamente dinamica grazie all'uso di forme curvilinee e aeree, alle sfumature e ai chiaroscuri dei colori pastello, caldi e delicati, che suggeriscono profondità infinite, rimandano ai processi della formazione-mutazione delle forme della Natura attraverso un movimento continuo dove l'occhio corre lungo gli arabeschi dei vuoti e dei pieni, immateriali e leggeri, simili ad una vegetazione lussureggiante che si sviluppa in un ciclo ininterrotto ed ogni composizione rappresenta un passaggio di stato.

    AUTORE: TOMIO PAOLO

    ANNO:

    TITOLO OPERA: PASSAGGI DI STATO

    MISURA: 60 x 60cm cadauno

    TECNICA E MATERIALI: DIGITAL ART SU PLEXIGLASS

« Precedente
1
2
torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 14 Febbraio 2019
torna all'inizio del contenuto