Seguici su

Vai menu di sezione

Castel Pietra, testimone dell'epica battaglia di Calliano

A oriente, sulla sommità d'una collina, Castel Beseno scruta la piana sottostante, mentre, sul confine meridionale, Castel Pietra sembra ancor oggi proteggerlo dagli invasori che per lungo tempo tentarono d'impadronirsi di questa valle.

Come suggerisce il nome, Castel Pietra si erge su di uno spigolo di roccia nel punto ove in epoca lontanissima si assestarono i massi di una enorme frana. Un tempo una larga ansa dell'Adige lambiva le mura di Castel Pietra che era collegato fino al fiume da una massiccia muraglia merlata, di cui rimangono poche tracce, munita di una fortissima porta in ferro che aveva il compito di controllare la strada di transito.
Il suo forte nucleo centrale, con in alto la torre, risale al XII secolo e fu ampliato fino alla forma attuale nel Quattrocento con le altre parti fortificate.
Di grande fascino ed importanza sono gli affreschi della Sala del Giudizio di epoca quattrocentesca (Giudizio di Salomone, Caccia al cervo, Caccia all´orso), la torre delle impiccagioni, la sala degli armigeri e le prigioni. 
Baluardo di difesa di confine il Castello e la piana sottostante sono stati oggetto di numerose battaglie e scontri sin dal '300. Di rilievo storico sono la Battaglia di Calliano del 10 agosto 1487 e le battaglie tra truppe austriache e truppe napoleoniche di fine ‘700.
Alcuni storici e letterati ritengono che la ruina narrata da Dante nell'Inferno (XII, 4-9) sia identificabile con la grande frana sui cui sorge proprio Castel Pietra.
Il Castello, visto da lontano, quasi si confonde con la natura circostante, fatta di massi caduti dalla montagna arida e brulla ma di una suggestione unica. Il nucleo romanico stà in alto, sulla cuspide della roccia, ed avvolge la pietra che ne costituisce la colonna vertebrale.
Alla porta romanica si accede dall’alto, attraverso un sentiero tortuoso che si perde nei boschi: al’interno sono visibili gli ambienti due-trecenteschi. Le sale di soggiorno, la sala degli armigeri,le scale coi meccanismi che governano la saracinesca della porta a valle ed una lugubre cantina dove si narra che vivessero i condannati, costretti a far girare la ruota di un mulino. Gli altri ambienti legati alla roccia, più in basso, conservano anch’essi un’atmosfera misteriosa: la sala del Giudizio, con gli affreschi del ’400, il corridoio di ronda, la torre delle impiccagioni e poi, verso l’uscita al livello inferiore, la grande e comoda scala a chiocciola in pietra ed il rivellino che dà su un cortile interno, riparato da una cortina di mura appoggiata alla roccia, dove nel XVII secolo sorse il palazzo baronale, dimora più comoda ed aperta verso l’esterno.
Di grande suggestione il piccolo giardino all’italiana che ancora si conserva sul lato sud-ovest del Castello, con le viste della Valle dell’Adige, verso i luoghi dove nel 1487 si combattè la battaglia di Calliano, tra veneziani e truppe imperiali.
Si trova ad un chilometro dal paese di Calliano sulla statale del Brennero.
Il Castello, dopo un complesso ed accurato restauro di quasi 2 anni (2013-14) finanziato interamente dalla proprietà, può essere visitato dal pubblico mediante visite guidate e ospitare manifestazioni, convegni e spettacoli di ogni genere.

Per visitare il castello:

Castel Pietra è di proprietà privata ed è possibile visitarlo previa prenotazione direttamente sul sito www.CastelPietra.info nei giorni elencati oppure per gruppi organizzati su appuntamento. Contatto: info@castelpietra.info Telefono (Famiglia Bertagnoli) 373 5039419.

 
Tipologia di luogo
Castello
Collocazione geografica

Come arrivare

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Martedì, 25 Marzo 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 07 Settembre 2015
torna all'inizio del contenuto